Test per lo stampaggio di pallet su un macchinario industriale

r-pallet vista sotto

Test per lo stampaggio di pallet su macchinario industriale

Repulp S.r.l. ha iniziato a fare test per lo stampaggio di pallet su un macchinario industriale, partendo dal granulo plastico proveniente da scarto di pulper.

La plastica eterogenea proveniente da scarto di pulper, dopo essere stata selezionata meccanicamente, estrusa, filtrata ed infine granulata, è stata stampata con geometrie tutt’altro che banali, specialmente se pensiamo al materiale di partenza.

Dopo aver raggiunto questo importante risultato, i prossimi passi saranno volti a migliorare le miscele per ottimizzare ancora di più la fluidità delle plastiche derivanti da pulper, oltre a migliorare la resistenza agli urti e la durezza della miscela plastica una volta solidificata.
Il progetto Ecopulplast, attraverso Repulp S.r.l., spin-off di Selene S.p.A., si avvia ad essere realtà industriale.

r-pallet vista fianco
r-pallet vista sotto
r-pallet vista sopra

Tree-Tower studio di Marketing

Progetto Repulp Tree-tower

Repulp ha commissionato a Tree Tower, spin-off della scuola d’eccellenza IMT Alti Studi, guidata dal Prof. Paggi di svolgere uno studio di Marketing in cui verranno studiate non solo la promozione, la distribuzione e la valorizzazione dei prodotti in essere ed in corso di sviluppo, ma anche quali sono i possibili mercati aggredibili per nuovi prodotti in plastica riciclata che devono ancora essere creati.

Repulp, oltre a continuare a sviluppare il pallet, vuole cimentarsi in nuovi prodotti che possano garantire la massimizzazione del riciclo delle plastiche.

Nel mese di Luglio saranno consegnati i risultati riguardanti gli studi sulle plastiche mentre nel mese di Ottobre sara’ consegnato a Repulp uno studio sui segmenti di mercato su cui concentrare lo sviluppo commerciale ed industriale in atto.

Progetto di Ricerca con la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa

Scuola Superiore Sant'Anna logo

Progetto di ricerca con la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa

Scuola Superiore Sant'Anna logo

Durante il Life-Ecopulplast, Selene S.p.A.e Versalis, polo chimico di Eni, hanno dato avvio ad un Progetto di Ricerca con il Professor Fabio Iraldo della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. 

Lo studio ha avuto come obiettivo quello di analizzare gli impatti ambientali nel ciclo vita totale di due tipologie di pallet, in legno e in plastica riciclata proveniente da scarto di pulper, e di effettuare una loro comparazione. La valutazione di impronta ambientale (Life Cycle Assessment (LCA)) è stata condotta secondo la metodologia PEF (Product Environmental Footprint) per la valutazione dell’impronta ambientale di prodotto così come definita nella Raccomandazione 2013/179/UE della Commissione, del 9 aprile 2013, relativa all’uso di metodologie comuni per misurare e comunicare le prestazioni ambientali dei prodotti e delle organizzazioni in termini di performance ambientale sull’intero ciclo di vita. 

Inoltre, per il pallet in plastica, la finalità è altresì quella di individuare possibili ambiti di miglioramento delle prestazioni ambientali.
Lo studio ha mostrato come, sotto determinate ipotesi di vita e di utilizzo, il pallet in plastica ottenga buone performances ambientali.

Progetto Repulp UNISA

Università di Salerno logo

Progetto Repulp Unisa

Università di Salerno logo

Repulp S.r.l.ha avviato un progetto di collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Salerno.

L’attività di ricerca avrà come obiettivo la messa a punto di miscele di polimeri riciclati a base di “pulper waste plastics” (ovvero scarti a composizione essenzialmente polimerica provenienti dai processi di riciclo della carta) per la produzione di pallet, a cura del dipartimento di Ingegneria Chimica con un team guidato dal Prof. Luciano di Maio.
Lo studio sarà inoltre mirato a definire il disegno più opportuno del pallet da produrre coerentemente con le migliori proprietà ottenibili dalle miscele studiate, studio a cura del Dipartimento di Ingegneria Meccanica con un team guidato dal Prof. Nicola Cappetti.

La definizione delle caratteristiche geometriche e costruttive del nuovo pallet di dimensioni 130×110 cm, saranno messe a punto sulla base delle migliori prestazioni ottenibili dalle miscele di polimeri riciclati studiati.
La consegna del progetto è prevista per metà Giugno 2019.